Tim Berners-Lee

Inventore del World Wide Web
Ultima modifica: 24-08-2010

|-->   Londra 8 giugno 1955
-->|   Vivente
Torna

Storia:
Tim Berners-Lee concepì e sviluppò il web con l'aiuto di Robert Cailliau ed altri personaggi che facevano parte del laboratorio fisico nucleare del Conseil Européen pour la Recherche Nucleaire meglio noto come CERN.

Lo sviluppo del web fu la chiave tecnologica che rese popolare internet in tutto il mondo.
La madre ed il padre di Tim Berners-Lee erano enrtambi matamatici che fecero parte del gruppo che programmò il Manchester University's Mark I, il primo programma commerciale inserito in un computer, venduto dalla ditta Ferranti Ltd. Un giorno quando frequentava la scuola superiore Berners-Lee trovò suo padre che scriveva un discorso riguardante i computer per Basil de Ferranti. Padre e figlio parlarono a riguardo di come il cervello umano abbia un unico vantaggio sopra i computer, dal momento che può connettere concetti che ancora non sono associati. Il giovane Berners-Lee fu molto impressionato dal potenziale dei computer di essere in grado di collegare due parti di informazione precedentemente non collegate.

Berners-Lee si laureò al Queen's College dell'università di Oxford nel 1976 con una tesi in fisica. In seguito lavorò per due anni come ingegnere softwarista presso la ditta Plessey Telecommunications sui sistemi distribuiti, ripetitori di messaggi e sui codici a barre. Fu qui che incontrò D.G. Nash, dove sviluppò un sistema operativo multi-tasking, e un software di controllo per stampanti intelligenti.

Nel 1980, Berners-Lee per prima cosa iniziò a lavorare come consulente presso il CERN, in origine chiamato Conseil Européen pour la Recherche Nucleaire, ed ora European Particle Physics Laboratory, ma tuttora chiamato CERN per tradizione. L'organizzazione consiste in molte piccole costruzioni dislocate in un'area molto bella tra le montagne del Jura ai confine tra Francia e Svizzera. Fu perché il CERN era tanto esteso e complesso, con migliaia di ricercatori e centinaia di sistemi che Berners-Lee sviluppò il suo primo sistema di ipertesto per mantenere traccia di chi lavorava su quale progetto, quale software fosse associato a quale rogramma e quale software stesse funzionando su quale computer. Come lo sviluppo di pacchetti di scambio, gli iperlink erano un'idea che sembrò voler essere trovata, sia da Berners-Lee che ina maniera indipendente a cinque anni di distanza da Ted Nelson and Douglas Engelbart.

Berners-Lee chiamò il suo primo sistema di ipertesto Enquire, dopo aver letto un vecchi libro che trovò da bambino nella casa dei suoi genitori chiamata Enquire Within upon Everything (Domande Profonde riguardo ad Ogni Cosa) che riportava una vasta gamma di trucchi consigli e soluzioni. Il libro affacinò il giovane Tim con la suggestione che magicamente contenesse la risposta per ogni problema del mondo. Con la costruzione del sistema Enquire nel 1980, e poi del WEB dieci anni più tardi, Berners-Lee ha quasi del tutto dedicato con successo la sua vita a rendere reale il suo libro dell'infanzia.

Dal 1981 al 1984, Berners-Lee lascò il CERN e lavorò presso Image Computer Systems in qualità di Capo Disegno Tecnico, con la responsabilità su real-time, sulla grafica, e i softaware di comunicazione per un programma innovativo che abilitasse le vecchie stampanti ad aghi, di stampare una ampia gamma di disegni grafici avanzati. In seguito ritornò al CERN a tempo pieno nel 1984, e quasi immediatamente iniziò a cercare finanziamenti ufficali per il progetto relativo all'ipertesto. Nel Marzo del 1989, completò un progetto di proposta per un sistema per comunicare informazioni fra i ricercatori del dipartimento di Alta Energia e Fisica, intendendo aiutare tutti coloro che avevano problemi nel condividere informazioni attraverso una vasta gamma di differenti reti, computer e nazioni. Il progetto aveva due principali bersagli:

1 Disegno aperto. Come Robert Kahn's disegnò per il TCP/IP, il sistema dell'ipertesto doveva avere un'architettura aperta, ed essere in grado di funzionare su qualsiasi computer utilizzato nel CERN inclusi Unix, VMS, Macintosh, NextStep, e Windows.

2 Distribuzione in rete. Il sistema avrebbe dovuto essere distribuito su una rete di comunicazione. Comunque Berners-Lee pensò che ci avrebbe potute essere necessario un periodo intermedio in cui molto del materiale di ricerca sarebbe stato trasportato su CDROM individuali, cosa che non fu mai necessaria.


Fonti:
http://www.livinginternet.com/w/wi_lee.htm








Valid HTML 4.01 Transitional